Italiano

Come sottoporre a test i diodi

Fondamenti

I multimetri digitalipossono testarei diodiattravero uno dei seguenti metodi:

  1. Modalità Test Diodi: l'approccio consigliato nella maggior parte dei casi.
  2. Modalità Resistenza: usata soltanto se un multimetro non comprende la modalità Test diodi.

Nota: In alcuni casi, potrebbe essere necessario rimuovere una delle estremità del diodo dal circuito per sottoporlo a test.

Informazioni importanti sulla modalità Resistenza usata per sottoporre a test i diodi:

  • Non indica sempre se il diodo è in condizione ottimale o se presenta problemi.
  • Non deve essere eseguita quando il diodo è collegato a un circuito. Potrebbe causare l'acquisizione di una misura errata.
  • PUÒ essere usata per verificare la presenza di problemi del diodo in una determinata applicazione. È un passaggio da effettuare dopo che la modalità Test Diodi ha rilevato un problema.

Per testare al meglio un diodo, misurare la caduta di tensione quando il diodo è polarizzato in senso diretto. Un diodo polarizzato in senso diretto si comporta come un interruttore chiuso, vale a dire, che permette il flusso di corrente.

Come sottoporre a test i diodi | Fluke

La modalità Test diodi di un multimetro produce scarsa tensione tra i puntali. In seguito, il multimetro mostra la caduta di tensione quando i puntali vengono collegati al diodo polarizzato in senso diretto. Ecco come viene eseguita la procedura Test Diodi:

  1. Verificare che a) tutta l'alimentazione diretta al circuito sia disattivata e b) sul diodo non sia presente tensione. Nel circuito potrebbe essere presente tensione a causa dei condensatori carichi. In questo caso, è necessario scaricare i condensatori. Impostare il multimetro in modo che possa misurare la tensione AC e DC in base alle necessità.
  2. Ruotare la manopola (interruttore rotante) in modalità Diode Test Come sottoporre a test i diodi Sulla manopola, questa modalità potrebbe essere abbinata a qualche altra funzionalità.
  3. Collegare i puntali al diodo sottoposto a test. Registrare i dati visualizzati.
  4. Invertire la posizione dei puntali. Registrare i dati visualizzati.

Analisi relativa al test dei diodi

  • Un diodo correttamente polarizzato in senso diretto mostra una caduta di tensione compresa tra 0,5 e 0,8 volt. Questo valore è valido per la maggior parte dei diodi in silicio. Infatti, alcuni diodi in germanio sono caratterizzati da una caduta di tensione compresa tra 0,2 e 0,3 volt.
  • Sul multimetro viene visualizzato OL quando il diodo è correttamente polarizzato in modo diretto. La misura OL indica che il diodo funziona come interruttore aperto.
  • Un diodo in cattivo stato (aperto) non permette il flusso di corrente in alcuna direzione. Sul multimetro viene visualizzato OL per entrambe le direzioni, quando il diodo è aperto.
  • Un diodo cortocircuitato è caratterizzato dagli stessi valori della caduta di tensione (circa 0,4 V) in entrambe le direzioni.

Un multimetro impostato sulla modalità Resistenza (Ω) può essere utilizzato come test diodi aggiuntivo oppure come un multimetro privo della modalità Test diodi.

Analisi relativa al test dei diodi

Un diodo è polarizzato in modo diretto quando il puntale positivo (rosso) si trova sull'anodo e quello negativo (nero) si trova sul catodo.

  • La resistenza polarizzata in modo diretto di un diodo integro deve essere compresa tra 1000 Ω e 10 MΩ.
  • La misura di resistenza è elevata quando il diodo è polarizzato in modo diretto perché la corrente proveniente dal multimetro scorre attraverso il diodo. In questo caso, si ottengono le misure di resistenza elevate richieste dal test.

Un diodo è polarizzato in modo inverso quando il puntale positivo (rosso) si trova sul catodo e quello negativo (nero) si trova sull'anodo.

  • La resistenza polarizzata in modo inverso di un diodo integro viene indicata sul multimetro con il valore OL. Il diodo presenta problemi quando le misure sono identiche in entrambe le direzioni.
Test dei diodi con la modalità Resistenza

Ecco come viene eseguita la procedura Resistenza:

  1. Verificare che a) tutta l'alimentazione diretta al circuito sia disattivata e b) sul diodo non sia presente tensione. Nel circuito potrebbe essere presente tensione a causa dei condensatori carichi. In questo caso, è necessario scaricare i condensatori. Impostare il multimetro in modo che possa misurare la tensione AC e DC in base alle necessità.
  2. Portare la manopola sulla modalità Resistenza (Ω). Sulla manopola, questa modalità potrebbe essere abbinata a qualche altra funzionalità.
  3. Collegare i puntali al diodo, dopo averlo rimosso dal circuito. Registrare i dati visualizzati.
  4. Invertire la posizione dei puntali. Registrare i dati visualizzati.
  5. Per ottenere risultati migliori durante il test dei diodi con modalità Resistenza, confrontare le misure acquisite con un diodo integro noto.

Riferimento: Digital Multimeter Principles di Glen A. Mazur, American Technical Publishers.

Trova il multimetro più adatto a te